Facebook Slider
background
logotype
image1 image2 image3

10.000 posti di lavoro richiesti en Canarias!

Il bel tempo atmosferico persiste nelle Canarie in questo inizio dicembre 2017, il resto della Spagna invece e' sotto neve e pioggia, benedetta dopo la siccita' di questi mesi.

In queste settimane abbiamo parlato molto del CATALEXIT, delle conseguenze politiche e quelle economiche. Le elezioni del 21 D si avvicinano mentre sono usciti i dati turistici catalani di quel pazzo mese di ottobre: Fonte elMundo.es “Cataluña sufrió en octubre, mes en el que se celebró el referéndum ilegal y en el que la tensión política alcanzó unos niveles históricos, una caída en la visita de turistas extranjeros de casi un 5%. En concreto, y según los datos que el Instituto Nacional de Estadística (INE) ha publicado esta mañana, la comunidad catalana recibió 1,5 millones de visitas extranjeras, un 4,7% menos que en el mismo mes del pasado año. El dato contrasta con la del conjunto de España, ya que el país recibió 7,3 millones de turistas extranjeros, lo que supone un incremento de casi un 2% con respecto a octubre de 2016. “

Ritorno invece alle Canarie, dei record turisti del 2017, piu' di 16 milioni di turistici e ottimi dati economici e occupaionali “La ocupación hotelera y extrahotelera están por encima de los niveles del ejercicio anterior (82,10% frente al 81,17%); y además los hoteleros suben precios (+6,7%) y logran incrementar su rentabilidad (+7,94%). Asimismo la afiliación a la Seguridad Social en el sector turístico ha crecido el 7,2% interanual, lo que se traduce en 10.036 nuevos empleos netos respecto al pasado año.” Fonte Hosteltur.com.

Perche' parlo di occupazione in Canaria e a Tenerife, perche' nei mesi di dicembre/gennaio 2018 partira' un piano di assunzioni da parte del Servicio Canario de Empleo per 10.000 nuovi posti di lavoro che necessitano diverse Entita' pubbliche canarie. Veramente un periodod'oro per l'Arcipelago canario questi ultimi anni sono stati un crescendo continuo.

Ed i mercati finanziari? Anche li' il trend continua con forza, l'America continua a segnare nuovi record e i Bitcoin continuano ad apprezzarsi… Ma di queste cose e' meglio leggere altri articoli su questo splendido sito di ProieionidiBorsa, facendo sempre attenzione all'incertezza, come nel caso della Catalugna i mercati non amano l'incertezza e l'instabilita'.

Dott. Riccardo Barbuti

Caos Catalogna ed ora?

Caos Catalogna: applicato l'Art.155 tutto risolto?

 

Inizio questo post facendo gli auguri a tutti i lettori di ProiezionidiBorsa.it oggi infatti e' una festa importante. 

Passo ora a parlare del CATALEXIT post applicazione dell'Art. 155 da parte del Governo Rajoy, uso il termine CATALEXIT perche' trovo molte similitudini con il BREXIT.

 Fuga delle imprese (quasi 2000 in poche settimane e grande frenata nella creazione nuove gia' da agosto 2017), fuga delle Banche (il cambio sede di Caixa e Sabadell e' stato “brutal”), problemi per gli studenti universitari stranieri e per i lavoratori stranieri.

L'ordine costituzionale e' stato ripristinato ma l'aria che si respira oggi in Catalogna e nel resto di Spagna non e' piu' la stessa, e' un vero peccato perche' la Spagna continua la sua espansione economica con un PIL 2017 che dovrebbe chiudere oltre il 3% e con il  nuovo record turistico segnato a settembre 2017!

Basta vedere i programmi in televisione, la maggioranza spagnola preoccupata ma sempre pronta a prendere in giro i catalani, i catalani che hanno accettato l'Art. 155 ma che secondo i sondaggi ridaranno la maggioranza alla Generalidad al “blocco indipendentista” anche se con la minoranza dei voti.

Ora inizieranno anche i processi contro il Govern de la Generalidad e la Presidenza del Parlamen Catalan, la legge verra' applicata ma a che costo per la convivenza tra le due anime della Catalogna?

L'anima indipendentista e' fortissima nei Paesini interni della regione (600 Alcaldes hanno festeggiato calorosamente la DUI venerdi' scorso), tra i “giovani indottrinati” e tra le componenti antisistema della societa' catalana capeggiate dalla CUP.

E a livello di politica nazionale, Podemos, sia per la sua ambiguita', sia per i suoi alleati ”anticapitalisti catalani” perde quasi 6 punti nei sondaggi: fonte eleconomista.es: “Podemos paga muy cara su postura equidistante y ambigua con respecto a Cataluña y se descalabra electoralmente hasta el cuarto puesto, pasando del 21,1% conseguido por Unidos Podemos el 26J a un exiguo 15,3% “.

Quindi dobbiamo aspettare i prossimi mesi e la prossima elezione del 21 dicembre in Catalogna per comprendere pienamente gli strascichi di questo folle mese di ottobre indipendentista.

Concludo questo post, segnalandovi un'iniziativa benefica promossa a favore di una mia amica recentemente scomparsa, a questo link trovate tutte le informazioni sul progetto “Elena con Noi” e i riferimenti per poter fare le donazioni.

Auguri a tutti

Dott. Riccardo Barbuti

 

 

Defiscalizzazione pensione entro il 30/0/2017

Dal primo settembre presso la nostra sede del Patronato Enas di Los Cristianos e' iniziata l'operazione di raccolta delle domande di DEFISCALIZZAZIONE

Durante il mese di settembre  2017 organizzeremo giornate anche in altre citta' dell'isola, la settimana prossima giornata programmata  a Puerto de La Cruz, con luogo ed orari da comunicare.

La campagna di raccolta ed inoltro delle domande di defiscalizzazione pensioni INPS , sara' l'inizio dell'erogazione dei servizi di Patronato Enas . presso la sede di Los Cristianos.

Iniziamo dal requisito temporale per i richiedenti come da sito INPS:

Non essere stati iscritti nell’anagrafe delle persone residenti in Italia per più della metà dell’anno (e cioè per 183 giorni negli anni normali, 184 in quelli bisestili); non avere avuto il domicilio in Italia per più di metà dell’anno; non aver avuto dimora abituale in Italia per più della metà dell’anno.

La documentazione necessaria che sara' raccolta:

  • Fotocopia documento di identita' italiano del richiedente e del suo coniuge, se eventualmente a carico, (con certificazione dei NON redditi italiani rilasciata dall'Agenzia delle Entrate)
  • Indicazione stato civile (estratto di matrimonio)
  • Certificazione iscrizione AIRE
  • Mod 772 timbrato da Hacienda con rilascio del CERTIFICATO RESIDENZA FISCALE (verra' rilasciato da Hacienda sela posizione fiscale nelle Canarie e' in linea con i giorni di residenza e lapresentazione della RENTA corrispondente)
  • Modello CI534-EP-I/4, modulo italiano-spagnolo previsto dall'Inps, debitamente per la defiscalizzazione compilato e firmato
  • Mandato di Assistenza Enas necessario per poter lavorare la pratica.

Per poter essere attesi nella nostra sede di Los Cristianos al Valdes Center e' necessario fissare un appuntamento, sia via mail, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamando lo 0034 638791960 anche w app.

[caption id="attachment_406" align="alignnone" width="300"]Oficina de la Asociación Cultural y Recreativa Ven y Vive en CanariasOficina de la Asociación Cultural y Recreativa Ven y Vive en Canarias[/caption]

L'ufficio si trova al secondo piano della Torre Valdes Center, l'entrata e' consigliata da questo lato del Valdes Center (corridoio del Centro Empleo), lato destro nella foto, per accedere al secondo piano della Torre A e' presente anche l'ascensore.

Per qualsiasi informazione e dubbi e' consigliata una mail preparatoria all'incontro, per il controllo della documentazione,per qualsiasi dubbio, per questa campagna di defiscalizzazione come per l'erogazione degli altri servizi  Caf e Patronato.

Dott. Riccardo Barbuti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0034 638791960 anche w app

 

Record a Wally a dispetto degli arresti in Catalogna!

Prision incondicional y sin fianza” per due leader indipendentisti catalani come il responsabile dei Mossos catalani (polizia giudiziaria catalana) Trapero che si e' visto togliere anche il passaporto.

Una situazione sempre piu' tesa a Barcellona, dopo che il primo plazo posto indicato da Rajoy e' passato senza che il Presidente de la Generalidad abbia risposto in maniera chiara sulla presunta dichiarazione di indipendenza.

I toni si fanno sempre piu' duri, l'incerteza continua e le imprese continuano a lasciare la Catalogna, leggete questo articolo della nota pagina web eleconomista.es, parla di 150 imprese che lasciano la Catalogna ogni giorno e i problemidel settore immobiliare, CATALEXIT sembra stia andando piu' veloce del BREXIT per le conseguenze.

Ed i mercati finanziari? Wally grazie alla liquidita' della FED continua la salita de ha toccato un nuovo record storico ieri, 22.956 punti, con P/E ormai alle stelle. Uragani, crisi internazionali, Catalogna non sembrano intaccare il trend americano, ipercomprato chiama ipercomprato come ripeteva un importante analista Usa sulla CNN.

Dott. Riccardo Barbuti

Quanto l'attentato a Barcellona influira' sui flussi turistici?

Buon giorno a tutti, torno a scrivere su Alternativa Tenerife dopo qualche giorno dal tragico attentato sulle Ramblas di Barcellona cercando di comprendere il passato e prevedere un pochino il futuro

L'attentato del 17 agosto sulla Rambla di Barcellona ha riportato laSpagna tra i Paesi sotto attacco terroristico, dopo piu' di 13 anni dall'attentato sulla metropolitana di Madrid anche la costa spagnola e' stata scossa dalla minaccia terroristica. La Spagna in questi anni ha beneficiato molto della sua pax terroristica, come dell'ammodernamento delle sue infrastrutture e la politica dei prezzi. Dal 2009 all'estate 2017 era stata capace di incrementare di un 50% i suoi flussi turistici, con le Canarie e la Cataluña in testa, sia per quanto riguarda i turisti, sia per l'accooglienza di giovani e pensionati. Proprio a Barcellona risiede una importante comunita' italiana, la piu' numerosa tra le straniere con piu' di 30.000 persone, numeri molto simili anche a Tenerife.

 Guardando questo istogramma ho potuto fare delle considerazioni sul passato, verificando il boom canario, l'importanza ancora di Parigi tra le destinazioni metropolitane e la sorpresa di vedere il Veneto come prima regione italiana e la Lombardia davanti al Lazio della millenaria Roma.

Questo il passato, quanto l'attentato del17 agosto fara' perdere attrattiva a Barcellona? I flussi turistici possono variare molto anche rapidamente, quest'anno infatti la Turchia ha pagato l'instabilita' interna con un sonoro -30%. La sicurezza quindi sempre piu' importante come anche i prezzi, ascoltando i discorsi vacanzieri di amici ho scoperto come puo' essere "costosa" la  selvaggia Corsica come anche al Sud d'Italia (fortunatameteabbiamo avuto un'estate 2017 d'oro) una casa per tre persone per una settimana ad agosto puo' costare almeno il doppio che alle Canarie. I gusti sono difficilmente comparabili, per i prezzi ildiscorso e' piu' semplice.

Concludo questo articolo tornando a Tenerife ed al boom turistico, residenziale ed aziendale; stavo verificando alcuni dati sul sito Istac (ente statistico canario) con miagrandesorpresa ho verificato che l'incasso dellIGIC (Iva locale) in 5 anni e' solamente triplicato, non per l'aumento dell'aliquota, solo per il gran volume d'affari che si e' generato in loco. Con Marco Acri  (imprenditori serigrafico trasferitosi a Tenerife) abbiamo iniziato ad investigare i vantaggi e gli svantaggi di trasferire un'azienda o una professionalita' a Tenerife. Questa verifica odierna spingera' il sottoscritto ad investigare meglio questi argomenti.

Dalla settimana prossima saro' rientrato a Tenerife e potrete trovarmi nella sede di Los Cristianos dell'Associazione culturale e ricreativa fondata per meglio supportare la comunita' italiana anche con servizi di Caf e Patronato Enas. Per quanto riguarda uno sguardo sulla valenza economico finanziaria del fenomeno Canarie e Tenerife trovere miei articoli e considerazioni su Proiezioni di Borsa e LEGGO TENERIFE (a settembre parlero' di Gobierno Abierto). Le visite dei post agostani hanno confermato l'interesse di pensionati, turisti, imprenditori sull'arcipelago canario. Noi cercheremo di dare informazioni dettagliate e verificate sempreutili performarsi la propria opinione e magari prendere decisioni importanti.

Dott.Riccardo Babuti

www.vienierisiediallecanarie.com

Il boom degli affitti alle Canarie in diretta web dalle 16!

Numeri, legislazione fiscalita' riguardanti il boom dell'affitto vacazionale alle Canarie in diretta dalle 16 italiane!

Oggi venerdi'  29 settembre, alle ore 15 (16 ora italiana) presso la nostra sede al Valdes Center, Torre A, secondo piano (vicino all' entrata del centro empleo) utilissima conferenza sui numeri e sulla corretta fiscalita' dell'affitto turistico nelle Canarie con Don Javier Martín Vera, Gerente ASCAV, l'Associazione che riunisce numerosi proprietari di Viviendas vacacionales alle Canarie (proprieta' ad uso affitto turistico) ci ha promesso almeno tre ore " MOLTO INTERATTIVE" con informazioni legalie fiscali e tante risposte a precise domande degli intervenuti.

Le competenze di Don Javier Martín Vera saranno fruibili sia in sala sia via web a questo link con un collegamento streaming in diretta e con la possibilita' di inviare domande al numero 0034 638791960 per w app.

Tanta carne al fuoco sull'argomento degli affitti a larga temporada o gestiti come Vivienda Vacacional (settimanale), un settore in grandissima espansione in Spagna e alle Canarie, con incrementi a doppia cifra ed una crescita ininterrotta da 30 mesi consecutivi

  1. Fonte eleconomista.es "...Por comunidades, en agosto de 2017 el precio del alquiler se incrementó en 10 comunidades autónomas a nivel mensual y en 16 a nivel interanual. En este sentido, destacan los incrementos anuales de Cataluña (+18,2%), Canarias (+11,3%), Madrid (+11,2%) y Baleares (+10,4%). Por el contrario, Galicia, con un descenso interanual del -0,1%, es la única región que ve caer los precios."

Il settore dell'affitto turistico e non, vista la grande quantita' di soldi che sta movendo in questi anni sta sempre piu' nelle mire di Hacienda che pare abbia chiesto a google di mappare le proprieta' presenti nel web sulle principali piattaforme:

2) "...El fisco lanza una campaña a través de los listados de los buscadores en Internet, cruzando variables como semanas de alquiler y precio. En Canarias ya están cotejándose los datos de propietarios en consonancia con los listados e información que aporten los grandes buscadores en la Red, donde solo Airbnb y Homeaway controlan el 50% del negocio. En Canarias, según el Gobierno autónomo, existen 121.000 viviendas en régimen de alquiler vacacional, con una facturación estimada de casi 600 millones de euros al año."

Quindi tantissimi soldi nel settore degli affitti in Spagna e nelle Canarie per questo essere preparati e in linea con le normative e' veramente molto importante per evitare brutte sorprese.

le competenze di Don Javier Martín Vera saranno fruibili sia in sala sia via web a questo link con un collegamento streaming in diretta e con la possibilita' di inviare domande al numero 0034 638791960 per w app.

]Oficina de la Asociación Cultural y Recreativa Ven y Vive en Canarias

Dott. Riccardo Barbuti

vienierisiediallecanarie.com

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il terrore nell'essere presi di mira

Duro e sanguinoso attacco terrorista in una delle citta' piu' belle di Spagna dove vivono tantissimi italiani, la sicurezza torna in prima pagina

Ieri sera quasi a fine giornata, ho visto un messaggio su fb di Marco Acri, che segnalava le prime informazioni sull'attentato sulle Ramblas di Barcellona. Subito mi sono attivato a contattare un paio di amici, che da anni hanno scelto di vivere nella capitale catalana. E' possibile che anche tra le vittime di ieri avremo nostri connazionali, essendo a Barcellona come a Tenerife, la comunita' italiana, la comunita'straniera piu' numerosa.

Fonte millionaire.it La comunità di stranieri più grande a Barcellona (la 10ª città più visitata al mondo) è composta dagli italiani. 25mila nostri connazionali vivono e lavorano qui. Hanno tra i 25 e i 45 anni. Lavorano nel settore turistico, in quello della ristorazione e in ambito marketing-commerciale. Secondo una ricerca realizzata da Tiendeo, se ne sono andati dall’Italia per la mancanza di meritocrazia e perché in cerca di nuove opportunità. Il 75% di chi ha scelto Barcellona lo ha fatto per il clima, il 56% per lo stile di vita, il 31% per la vicinanza con l’Italia.”

Le immagini dell'attentato sono molto cruente, mi hanno rammentato il lungo mare di Nizza colpito due anni orsono, il titolo dell'articolo l'ho ricavato da una intervista di una turista italiana intervistata subito dopo l'attentato “Il terrore nell'essere presi di mira”

Sulla fortunata rubrica Alternativa Tenerife ho sempre segnalato il boom turistico spagnolo di questi anni, oltre 75 milioni di turisti l'anno scorso, e Barcellona in testa: “De esta forma, Cataluña se sitúa, un año más, a la cabeza de la recepción de turismo extranjero en España Y, en concreto, Cataluña fue la comunidad que más turistas extranjeros recibió: casi 18 millones,lo que supuso un incremento del 4% respecto a 2015 y casi una cuarta parte del total de personas que visitaron nuestro país.”Fonte elmundo.es

Immagino che i due attentati di ieri in Catalogna avranno di nuovo un impatto sulle scelte emotive dei turisti mondiali, ricordo che il Mediterraneo riceve circa il 40% del turismo mondiale, e negli ultimi anni la Spagna e Barcellona in testa avevano segnato numeri importanti sia a livello turistico, sia per attrattiva di nuovi residenti in cerca di qualita' della vita e di lavoro.

Negli articoli su Tenerife e sul fenomeno Canarie, ho sempre parlato dell'importanza della sicurezza che si respira sulle isole, l'integrazione tra le 140 nazionalita' sembra procedere bene, sia sul lavoro, come a scuola, come nello sport. Prima di partire un cliente italiano aveva affittato il suo appartamento a Karim, giovane marocchino, da anni lavoratore a Tenerife, ben integrato e che giusto in agosto si e' sposato in Marocco, volendo portare con se la sua consorte marocchina a vivere a Tenerife.

Tantissime cose potremmo parlare sulle politiche di integrazione, sui numeri di immigrati che ormai sono entrati in Europa, sul misto tra emarginazione e odio causato dai conflitti che le grandi potenze hanno scatenato recentemente in Africa come in Medio oriente. In questi giorni lavorativi romani, sono rimasto molto colpito dalla militarizzazione del Centro della citta', delle camionette che proteggono la circolazione davanti al Colosseo, la nostra vita e' sicuramente cambiata in questi anni ed anche le dinamiche economiche turistiche ne sono state modificate.

Dopo 8 anni di rialzo i mercati finanziari sembrano "essersi immunizzati" alle notizie dagli attentati, diverso e' il discorso invece per le scelte turistiche, centinaia di milioni di persone viaggiano ogni anno e la percezione della sicurezza e' molto importante nella scelta delle destinazioni, come e' accaduto quest'anno in Turchia, dove si e' registrato un sonoro -30% di arrivi.

Si assistera' quindi a Tenerife ad una nuova temporada invernale da record? Nuovi arrivi tra i turisti e tra i nuovi residenti? Gli appartamenti in affitto per uso turistico e residenziale diventeranno sempre piu' introvabili e cari?

Vi terremo informati su Alternativa Tenerife sulle prestigiose pagine di ProiezionidiBorsa.

Dott. Riccardo Barbuti

 www.vienierisiediallecanarie.com

2017  Trasferirsi a Tenerife   globbersthemes joomla templates