Facebook Slider
background
logotype
image1 image2 image3

Immobiliario canario: prezzi in salita & maggiori controlli

Grazie al roaming ho ricevuto un ulteriore importante aggiornamento da Tenerife dall'Ascav circa il bollente mercato immobiliare canario

Le nuove normative telefoniche europee entrate in vigore il 15 giugno scorso sono un vero toccasana sia per "emigrati" con il sottoscritto, sia per i turisti europei che viaggiano alle Canarie e non, la possibilita' di chiamare e di usare il traffico internet con maggiore possibilita' (controllate pero' bene il vostro contratto con la vostra compagnia) e di rimanere in contatto con il mercato canario anche in questa tasferta lavorativa romana.

Ieri ho infatti avuto il piacere di ricevere la telefonata di Don Javier Martín Vera, uno dei componenti della Junta directiva dell'ASCAVl'Associazione Canaria che da circa tre anni e' fortemente focalizzata sulle tematiche dell'affitto turistico e che offre supporto ai proprietari di immobili, spagnoli e stranieri. Dopo le info comunicatemi nei nostri precenti incontri, e che sono gia' esposti in tre precedenti articoli, ieri mi ha segnalato che Hacienda (L'agenzia delle entrate spagnola) dal 1/1/2018 obblighera' le piattaforme come Airbnb e Booking a fornire i dati dei proprietari delle proprieta' gestite con l'affitto vacazionale. www.eleconomista.es

"La declaración informativa contendrá los datos de identificación del titular de la vivienda alquilada con fines turísticos, así como del titular del derecho en virtud del cual ésta se cede con fines turísticos. La identificación se realizará mediante nombre y apellidos o razón social o denominación completa y número de identificación fiscal. A estos efectos se considerarán como titulares del derecho objeto de cesión quienes lo sean del derecho de la propiedad, contratos de multipropiedad, aprovechamiento por turnos, propiedad a tiempo parcial o fórmulas similares, arrendamiento o subarrendamiento, o cualquier otro derecho de uso o disfrute sobre las viviendas cedidas con fines turísticos, que sean cedentes, en última instancia, de uso de la vivienda citada. Se incluirá también la identificación del inmueble, con especificación de la referencia catastral, y de las personas o entidades cesionarias, así como el número de días de disfrute de la vivienda con fines turísticos.

Quindi dal primo gennaio prossimo, la mappatura dei proprietari e degli operatori fortemente attivi nel turismo vacazionale spagnolo e canario, sara' sempre piu dettagliata e quindi la famosa fame di RECAUDAR del Ministro Montoro avra' a disposizione un archivio aggiornato per effettuare poi controlli con le dichiarazioni dei redditi del 2019. Anche per questo con Don Javier Martín Vera,  siamo d'accordo di informare la comunita' italiana residente a Tenerife organizzando una conferenza al ritorno dalle vacanze, presso la sede dell‘Associazion Cultural y recreativa Ven y Vive en Canarias, a Los Cristianos nel Valdes Center. La comunita’ italiana e’ la comunita’ straniera residente piu’ numerosa a Tenerife ed a Arona in particolare con circa 6.000 residenti de il Gerente Ascav mi ha chiesto di organizzare questa conferenza, visto che nei mesi scorsi ha potuto informare con conferenze, assieme alla Junta directiva ASCAV, i residenti canari, inglesi e tedeschi. 

Vedendo poi i dati incontrati sul sito www.inmodiario.com, la comunita'italiana a capeggiato il boom immobilare canario, come maggiore comunita' straniera di acquirenti con un importante 20,8% seguita dagli inglesi con un 20,3% e dagli spagnoli peninsulari con un 15,3%. 

Su Proiezionidiborsa, come sulle pagine di LEGGO TENERIFE di agosto troverete un approfondimento sull'importante aumento della popolazione residente a Tenerife, specie negli Ayuntamientos del Sud. Adeje, San Miguel de Abona, Granadilla, Arona, hanno visto piu' che raddoppiare la propria popolazione in 17 anni!

Una pressione di nuovi residenti che assieme al boom turistico ha fatto lievitare i prezzi degli immobili con gli italiani in testa negli acquisti immobiliari degli utlimi anni a Tenerife.

 Questesettimane lavorative a Roma sono per questo sempre piu' focalizzate per permettere alla numerosa comunita' italiana di Tenerife di ricevere informazioni e supporti per vivere serenamte ed integrarsi sempre meglio nell'ordinamento giuridico e turistico spagnolo, dove la crescita economica attuale supera il 3,1% (Gentiloni ieri festeggiava un ottimo 1,3% italiano) e dove pero' le istituzioni sono generose di offrire servizi ed allo stesso tempo Hacienda e' sempre piu' puntuale a fare controlli incrociati con gli archivi informatici sempre piu' disponibili.

L‘Associazion Cultural y recreativa Ven y Vive en Canarias nasce anche per questo, con la sede in Los Cristianos nel Valdes Center. La comunita’ italiana e’ la comunita’ straniera residente piu’ numerosa a Tenerife ed a Arona in particolare con circa 6.000 residenti,  necessita sempre piu' informazioni di qualita' e di essere messa in contatto con le isituzioni locali con il nascente progetto GOBIERNO ABIERTO, che nei prossimi anni avvicinera' sempre di piu' i cittadini (canari e stranieri) alle istituzioni locali.

Dott. Riccardo Barbuti

Presidente Associazion Cultural y recreativa Ven y Vive en Canaria

 

2017  Trasferirsi a Tenerife   globbersthemes joomla templates