Facebook Slider
background
logotype
image1 image2 image3

Anche il SOBRINO se ne va! Ritornerà?

Da un pochino di tempo non aggiornavo la rubrica "facce che tornano a casa", oggi con un pochino di rammarico Vi segnalo Edoardo, il mio sobrino!

Con Edoardo avevo iniziato questa avventura a Tenerife, viaggio e primo appartamento condiviso in Las Americas, primi documenti conseguiti assieme, per esempio il NIE bianco, poi qualche cosa è iniziata a cambiare.

(la mitica escursione in Quad sul Teide nel novembre 2013)

La parte attrattiva e rilassata di Tenerife, le notti a las Veronicas, la scarsa conoscenza delle lingue, la mancanza di un'effettiva voglia i lottare in questa guerra tra poveri in un'isola che vive la crisi mondiale ma è anche piena di turisti, sono forse tra le cause del ritorno a casa di Edoardo.

Parlando ieri con lui ho avvertito però una maggiore consapevolezza, mi confessava che avrà comunque difficoltà ad inserirsi di nuovo in Italia, sia per il clima, sia per i ritmi, sia per la mancanza di lavoro, sia per i costi delle sigarette e che chissà tra qualche mese forse tornerà...

Infatti in queste ultime settimane ha perfezionato la sua conoscenza dei linguaggi per programmare i siti internet, ha migliorato il suo spagnolo, anche se passando la maggior parte del tempo tra gli italiani, l'ha praticato pochissimo negli ultimi tre mesi.

Raccontandomi poi la storia di Filippo, e di come ha trovato il lavoro a Tenerife, ho avuto la conferma del pensiero di Giulietta scritto su questo sito, a Las Americas più che portare i curriculum, per trovare lavoro CONTA IL PASSA PAROLA.

Ciao Edo ci mancherai, salutami l'Italia con il Canone Rai e non solo pare, addebitati sulla bolletta elettrica e con la benzina a 1,75 euro...

Foto: Il sobrino se ne va

 Ciao Edo buon ritorno a casa!

 

Trovando interessanti i nostri post Vi suggeriamo di mettere mi piace alla nostra pagina di Fb, dove potrete lasciare anche commenti e suggerimenti. Registrandosi al sito potete anche scaricare il nostro esclusivo ebook gratuito per conoscere meglio Tenerife in italiano ed in spagnolo!  Rammentiamo anche lo spettacolo "Eroi d'Italia una storia d'amore in scena il 4 maggio  ore 18 a Los Cristianos ed il Concorso "raccolta gratuita" di progetti ZEC scadenza 28 maggio 2014. 

Biagio Milano una delle tante firme di qualità di MTT

Da queste pagine ha tuonato sulla Tobin Tax, ha avvisato della sopravvalutazione dei nostri titoli bancari ed in privato mi aveva pronosticato la discesa del mercato 10 giorni prima di Pasqua, anche lui ha lasciato a malincuore l'Italia...

Copia della nostra conversazione privata:
 
Quando arriva l'uovo sul mercato?
nella settimana / 10 giorni che precede la pasqua
 
questa settimana? o la prossima
?
conta 10 giorni prima di Pasqua
Non so quando sara' Pasqua.Mi pare il 19...
devo controllare
 
si
grazie e a presto
 
Fine della conversazione in chat
 
Questo il Biagio Milano esperto di mercati, ora quello più colorito che parla dell'Italia:
 
 "Cari amici, non fatevi il sangue acido per le stupidate di Mister Renzie. La soluzione e' semplice: andare via, il piu' lontano possibile, da sto paese dde mmmmmm, velocemente. Prendete residenza all'estero , e pur con enormi sacrifici iniziali, vedrete che ne godrete voi e tutta la famiglia. Date retta. So che non e' facile lasciare i propri cari, ma l'acido che porta questo paese e' oramai eccessivo. Lasciatelo MORIRE in pace. " Biagio Milano

Di me ha scritto:

"Riccardo Barbuti e’ un amico ed un collega che come me ha deciso , a ragion veduta, di lasciare il paese Italia e trasferire la propria residenza all’estero. Mentre la mia scelta e’ ricaduta su Malta, la sua e’ ricaduta su un altro luogo meraviglioso e in forte sviluppo: TENERIFE. La giusta ed equilibrata decisione, riflette lo status quo del nostro (EX) paese, nel quale oramai imperversano il populismo e il masochismo economico e finanziario! Riccardo mi racconta sempre di essere molto contento del trasferimento, anche se naturalmente il legame con l’Italia resta. Fa specie vedere come la politica nefasta di questi anni, collusa e arruffona, abbia consentito l’allontanamento di soggetti preparati come il mio amico. Ma ancora peggio e’ osservare da lontano (Riccardo me lo confermerà) come nonostante all’estero abbiano chiarissime le idee sul nostro paese e sulla gente che non si ribella (e ci prendano in giro per questo) qui si continui a fantasticare con la birra sul divano e la partita di calcio in tv! Che frivolezza ! Riccardo, come me ed altri colleghi, ha tutte le qualita’ e’ le capacita’ soggettive e ora anche oggettive per crescere a Tenerife, e rendere sereno se stesso e la sua famiglia. Solo l’inizio sara’ difficile, ma poi tutto tornera’ ad essere chiaro e il percorso si illuminera’ da se. In bocca al lupo, amico mio." Biagio Milano  analista finanziario, trader professionista, commentatore su ClassCFNCBC.

Trovando interessanti i nostri post Vi suggeriamo di mettere mi piace alla nostra pagina di Fb, dove potrete lasciare anche commenti e suggerimenti. Registrandosi al sito potete anche scaricare il nostro esclusivo ebook gratuito per conoscere meglio Tenerife in italiano ed in spagnolo! 

Non tutte le “favole” sono a lieto fine

La Tenerife di oggi, clima splendido, alberghi pieni e maggiore flessibilità e precarietà per molti connazionali in fuga dall'Italia...

 

 

 

 

 

 

 

 

Perché te ne sei voluta andare dall'Italia e hai deciso di venire a Tenerife? 

A 35 anni ho preso questa decisione, dopo aver tentato con ogni mezzo di far funzionare la mia piccola attività di gastronomia siciliana ubicata in Brianza, ma purtroppo la crisi ci ha travolti 

e prima di affondare totalmente decisi di chiudere.. Mia sorella viveva qui da un anno circa e più volte mi aveva chiesto di raggiungerla prospettandomi un vero paradiso... e così un po stanca dell'Italia, dei sacrifici infruttuosi, e con un paio di migliaia di euro in tasca sono partita, era il 7 giugno 2010.

Sei venuta sola?

Siamo partiti in tre, io mio figlio e un'amica appena arrivati siamo stati ospiti di mia sorella che viveva in un residence in Fanabe. Per un paio di mesi, poi ci siamo trasferiti in Adeje, abbiamo vissuto li quasi un anno, poi la mia amica si e' trasferita a Los Cristianos.

Hai trovato lavoro sull'isola?

Inizialmente ho lavorato come cameriera ai piani in albergo, pulizie in appartamento, poi ho avuto l'opportunità di lavorare in una clinica inglese come massaggiatrice, e' stato il periodo più bello per me, almeno a livello lavorativo ed economico.

Poi che è successo?

Il proprietario della clinica si e' trasferito ad Ibiza, e il lavoro e' terminato, i ragazzi ai quali pulivo l'appartamento si sono sposati e trasferiti, la signora italiana e' tornata in Italia, così rimasi di colpo senza lavoro, e da lì e' stato come finire in un vortice di eventi negativi, che si sono susseguiti in modo repentino e quasi incessante. L’unica cosa bella è stata l’incontrare il mio compagno attuale.

E adesso state lavorando?

Adesso la situazione oscilla tra il tragico e il sopravviviamo, io purtroppo non lavoro, il mio compagno lavora part time in un albergo come aiuto-giardiniere e la sera consegna pizze presso una pizzeria, ma non e' abbastanza...

Come vedi il futuro?

Nonostante tutti i problemi e i disagi che viviamo giornalmente, siamo una famiglia molto unita, ci sosteniamo a vicenda e l'amore ci dà forza di andare avanti. Il nostro futuro lo immagino sereno, una piccola casa magari più vicina alla spiaggia, un barbecue, un cane e un lavoro stabile e una piccola utilitaria per poter finalmente godere un po dei paesaggi e della bellezza dell'isola. Forse penserete che non sia un gran che, ma a noi manca solo questo, per essere completamente felici, siamo persone semplici e credo che con questa esperienza abbiamo ancor di più colto l'importanza e l'essenza delle cose, ogni cosa oggi per noi e' un dono prezioso.

Cosa consigli ai connazionali che si vogliono trasferire a Tenerife?

Con la crisi che ha messo in ginocchio l'Italia moltissimi connazionali desiderano trasferirsi alle Canarie per avere la possibilità di cambiare vita, a loro dico con estrema sincerità che la realtà lavorativa qui non e' rosea, che la crisi esiste e si nota, di fare attenzione agli investimenti e consiglio di venire per serie indagini di mercato ben mirate prima di fare colpi di testa.

Ho visto aprire tante attività da italiani e chiudere dopo un paio di mesi,venite, sondate, cercate, informatevi, toccate con mano e soprattutto venite con un un piccolo capitale che vi dia serenità, almeno per un anno, ascoltate ogni storia, ma ricordatevi che sarà l'Isola a scegliere voi, e non il contrario.

Mucha suerte!

 

Gep un gentile italiano impantanato nel regno di Befera e di Renzi

Oggi avevo pubblicato un interessante studio sul mercato immobiliare italiano, poi nel pomeriggio ricevo questa gentile mail di risposta alla mia newsletter, anche l'economia reale non tira in Italia pare...

"Mio carissimo Riccardo, innanzitutto ti voglio ringraziare per la tua stupenda abitudine di tenermi informato su Tenerife e per le belle notizie di cui mi rendi partecipe. Poi volevo dirti che qui, in Italia, o si vende il bar che gestisce mia figlia oppure non si muove foglia per venirti a trovare......mi capisci?
Ora ti rinnovo i miei auguri affinchè la tua vita sia sempre più bella ed affascinante.
Gep"
 
 
Molti sono i giovani e meno giovani interessati a spostarsi a Tenerife, dove le ottime agevolazioni fiscali (ZEC e REF), l'afflusso turistico anche dal Nord Europa, ed i capitali russi stanno movimentando positivamente l'economia. Oggi ho sentito che un famoso bar sul paseo del Salitien è stato rilevato per un milione di euro da imprenditori russi.
Mi toccherà veramente iniziare il corso di russo che ho acquistato recentemente....
 
 Trovando interessanti i nostri post Vi suggeriamo di mettere mi piace alla nostra pagina di Fb, dove potrete lasciare anche commenti e suggerimenti. Registrandosi al sito potete anche scaricare il nostro esclusivo ebook gratuito per conoscere meglio Tenerife in italiano ed in spagnolo! 

Marco & Anna un workshop molto accurato...

Ho avuto il piacere di conoscere Marco ed Anna prima in internet e poi dal vivo, sono il prototipo delle persone che si stanno ben preparando a lasciare l'Italia, attenti alle spese, alle bellezze naturali ed anche alla cultura. 

Per chi avesse meno tempo e risorse di Marco ed Anna abbiamo abbiamo organizzato il 25-26 febbraio un workshop concentrato in Los Cristianos! Lascio ora la parola a Marco:

"Tenerife, dal 9 al 30 gennaio 2013, una visita molto accurata, ben preparata e  veramente propedeutica al trasferimento..."

Siamo partiti, Anna ed io, già molto motivati da tutte le informazioni raccolte su internet in questi ultimi mesi. Abbiamo trovato molti siti di italiani trasferiti che ne parlavano con entusiasmo, avevamo visto filmati di itinerari su you-tube, ci eravamo scaricati e stampato la guida di “Move to Tenerife”, ma la realtà è stata decisamente più piacevole.

Abbiamo trovato un’isola capace di sorprenderci per la sua bellezza e varietà, offre ambienti così diversi tra loro, in grado di accontentare ogni esigenza, oltre al clima fantastico che ti mette sempre di buon umore. Abbiamo alloggiato a Los Cristianos in un appartamento di due camere, inserito in un complesso residenziale con piscina, a poche centinaia di metri dal mare, ad un prezzo che considerata l’alta stagione, non ci è sembrato eccessivo, anche se abbiamo scoperto che conoscendo un po’ si può trovare anche a meno. Abbiamo affittato un’auto, una Renault Clio che non ci ha dato mai problemi. Con questa abbiamo girato l’isola in lungo ed in largo, facendo più di 1600 Km (benzina ad 1 Euro ed autostrada gratuita aiutano).

Siamo rimasti favorevolmente impressionati anche dalla gentilezza dei canari con cui abbiamo interagito, ce li avevano descritti come scorbutici e diffidenti, li abbiamo trovati gentili e disponibili. Oltre alla parte balneare di spiaggia e bagni nell’Oceano, abbiamo girato per informarci sulla possibilità di fare investimenti per organizzare il nostro futuro trasferimento sull’isola (vincolato ahimè dalla vendita della nostra casa in Italia), comunque da buoni ottimisti, fiduciosi nel futuro, abbiamo seguito i consigli del buon Riccardo, che ci ha messi in contatto con un agente immobiliare italiano che si è reso disponibile a darci delucidazioni e consigli su come funziona il mercato immobiliare locale, dove e come è meglio investire, regole e possibilità per mettere a frutto un piccolo capitale, che ci permetta di avere una piccola rendita per poter invecchiare tranquilli.

Il bilancio è stato positivo, abbiamo visto che se uno ha voglia di fare, ha idee e capacità, ci sono molte possibilità di sviluppare progetti interessanti, chi, senza né arte né parte, pensa invece di trovare il paese dei balocchi è destinato ad una sonora delusione, come un po’ dappertutto. Abbiamo conosciuto molti italiani di differenti fasce di età, con e senza famiglia, che hanno intrapreso attività commerciali e devo dire che li abbiamo trovati tutti abbastanza soddisfatti, nessuno pentito della scelta fatta, a differenza dell’Italia, dove con chiunque parli, senti solo lamentele.

Che altro dire, il cibo è buono e costa meno che in Italia, anche mangiar fuori è abbastanza accessibile, abbiamo trovato prezzi dai 10 ai 20 euro massimo, anche per un’ottima ed abbondante cena di pesce. Il rientro è stato triste, con le lacrime per aver lasciato la primavera ed aver ritrovato l’inverno freddo e piovoso di Firenze. Ma siamo ancora carichi di speranze, con le idee più chiare e sempre più decisi a fare questo passo."

 

Trovando interessanti i nostri post Vi suggeriamo di mettere mi piace alla nostra pagina di Fb, dove potrete lasciare anche commenti e suggerimenti. Registrandosi al sito potete anche scaricare il nostro esclusivo ebook gratuito (aggiornato recentemente con le ultime novità) per conoscere meglio Tenerife in italiano ed in spagnolo!

A Robby & Kikka piace Tenerife e rigraziano MTT!

 Questo pomeriggio alla chiusura di un "chiacchieratissimo" Workshop con molto piacere ho ricevuto questa mail dall'Italia...  

"Ho visto aprire tante attività da italiani e chiudere dopo un paio di mesi. venite, sondate, cercate, informatevi, toccate con mano e soprattutto venite con un un piccolo capitale che vi dia serenità, almeno per un anno, ascoltate ogni storia, ma ricordatevi che, sarà l'Isola a scegliere voi, 
e non il contrario."

Così dopo aver letto quest'ultima frase di nell'articolo  "Non tutte le favole sono a lieto fine" scritto da Riccardo Barbuti  su  www.movetotenerife.com mi sono deciso di vedere con i miei occhi come è Tenerife da un punto di vista strettamente lavorativo.

Mi chiamo Roberto sposato con Kikka ed ho 51 anni. Sono un libero professionista ed operò nell'ambito del caffè espresso da bar, da anni sono alla ricerca di un posto dove andare a vivere  fuori dall'Italia..e ho visto molti posti e isole.


Ho anche passato un mese in Costa Rica, sempre cercando un bel posto dove spostare la mia famiglia e dopo aver passato solo 4 gioni a Tenerife forse l'ho trovato!

Come ho detto prima vorrei contribuire dando le mie impressioni sul l'isola tralasciando volutamente tutte le considerazioni da un punto vista turistico. Sceso dal' aereo a Santa Cruz a nord di Tenerife ho subito sentito gli odori e i profumi tipici di quando l'aria è pulita e frizzante. Il silenzio e la calma subito dopo mi anno colpito,osservando la gente nella capitale.

Dopo aver preso l'auto a noleggio,ci siamo subito recati nella pensione prenotata. Sapevo che non era in riva al mare ,ma un po' più su . Ma non così in su. Almeno mille metri.
Dalla superstrada a due corsie ,molto scorrevole che percorre tutta l'isola,abbiamo svoltato verso San Miguel,  in uno svincolo a doppia rotatoria , molto ben tenuta, pulita, su per venticinque minuti per una strada con ampie curve e una pendenza "decisa" siamo arrivati a mille metri di altitudine alla pensione.

Perché tutta questa spiegazione?

Perché per un commercio  degno di questo nome ,la viabilità la considero come la linfa vitale per una pianta e qui a Tenerife le strade sono ottime, senza incroci con semafori che rallentano la circolazione ( tranne qualche caso in capitale ) e senza camion,solo auto che si muovono veloci senza troppi ingorghi.

Direte è ovvio, ma non è così ,in paesi cosiddetti civilizzati, l'asfalto è pieno di buche e la circolazione è caotica e rumorosa. Piena di blocchi stradali, e si passa più tempo in auto che al lavoro.
(Ps.vedi la capitale.......italiana!)

Il giorno dopo abbiamo parlato con la padrona della pensione e ci ha chiesto "perché siete qua".?

Perchè vorremmo venire a vivere qua e trovare un lavoro. 

Lei con occhi stralunati,  "Lavoro? Ma l'ho sapete che c'è una disoccupazione alta oltre il 30 % E che anche noi locali abbiamo molta difficoltà nel trovarlo."

Si lo sappiamo, Ma  pensiamo che se una persona ha qualcosa da offrire all'isola , una professione specifica qualificata e professionale l'isola stessa ne possa richiedere il suo contributo.

Io con la mia professione da tecnico su macchinari particolari, e lei con la conoscenza di 5 lingue parlate, pensiamo si poter avere una chance o per lo meno siamo qui per scoprirlo, senza rischiare nessun azzardo. 

I giorni successivi abbiamo visitato tutti i posti  che ci siamo prescelti dopo aver studiato l'isola da casa. Partendo dal sud ,altamente se non totalmente turistico, all'aeroporto atterrano in media un aereo ogni mezz'ora, Las Americas, Los Cristianos, tutti i paesi vicini.


Abbiamo guardato tutto quello che a noi poteva interessare nell'ambito lavorativo e di possibilità di vita, come: bar, ristoranti, supermercati, (per avere un'idea del costo della vita)  scuole, banche,negozi di mobili, rivenditori di auto, negozi di cellulari, ci siamo persino annotato la posizione di un veterinario per il nostro cane.

Una delle cose più importanti da cercare ,come mi aveva consigliato dott, Riccardo Barbuti è la posizione sull'isola dove si vorrebbe stare a vivere ,in affitto per il primo anno, poi, dopo essersi inseriti comprare una casetta che si spera sia la definitiva .

Alla fine  siamo tornati in Italia e, dopo pochi giorni di meditazione abbiamo pensato che .......
" Si " faremo il salto, venderemo tutto e partiremo!

Robby e Kikka


Ps l'isola è bellissima di per se , con una natura incontaminata, con contrasti e vedute incantevoli,Tenerife me gusta Mucho .


Trovando interessanti i nostri post Vi suggeriamo di mettere mi piace alla nostra pagina di Fb, dove potrete lasciare anche commenti e suggerimenti. Registrandosi al sito potete anche scaricare il nostro esclusivo ebook gratuito per conoscere meglio Tenerife in italiano ed in spagnolo!

Complimenti dagli amici... il fiuto rimane anche a Tenerife!

Ieri mi hanno definito giornalista con gli stivali, oggi mi becco i complimenti dello stimato Andrea, la verità sempre nel mezzo...

Beh devo dire che, anche se ultimamente non ho molto tempo da dedicare al trading, il fiuto non è cambiato affatto.. La chiamata a mettere le truppe cammellate sullo short di una settimana fa, mentre tutti consigliavano di comprare sulla debolezza si è rivelata assolutamente azzeccata.. domani prima presa di profitto in apertura aspettando un pullback a 19.070/100 dove ricaricare la carriola.. ( l'unico che ho sentito chiamare lo short in linea con me è stato l'amico Riccardo da Tenerife.. anzi.. Per chi non l'avesse ancora fatto consiglio di seguire "Mercati e Materie".. Ottimi spunti..)

Andrea Polimeno

 

Trovando interessanti i nostri post Vi suggeriamo di mettere mi piace alla nostra pagina di Fb, dove potrete lasciare anche commenti e suggerimenti. Registrandosi al sito potete anche scaricare il nostro esclusivo ebook gratuito (aggiornato recentemente con le ultime novità) per conoscere meglio Tenerife in italiano ed in spagnolo!

2017  Trasferirsi a Tenerife   globbersthemes joomla templates